Bugge Wesseltoft
Jazzlands, Nor

Il futuro alternativo del jazz può essere rintracciato negli anni '90, quando i musicisti jazz iniziarono a ritrovarsi spontaneamente dopo i concerti in jam session con i DJ dei locali. Lo scambio fu reciproco: i DJ contribuirono al suono tradizionale dei jazzisti e questi ultimi portarono il proprio suono ad un pubblico diverso e più ampio. Bugge Wesseltoft, pianista cresciuto a Skien (circa 100 km da Oslo), iniziò a lavorare in questa cornice, fondendo elementi jazz, house, techno, ambient, noise e la libera improvvisazione. Oltre al gran piano e al Fender Rhodes, Bugge utilizza diverse tastiere, percussioni, campionamenti, effetti vocali e strumenti di programmazione, sia live che nelle registrazioni in studio, portando i nuovi talenti norvegesi del Jazz a contribuire alla sua "New Conception of Jazz", registrato nel 1994. Due anni dopo fonda la sua etichetta ‘Jazzlands' consolidando il suo impegno per il ‘Future Jazz' e continuando ad indicare nuovi scenari per il jazz europeo e a far uscire nuovi album, esibendosi nei suoi acclamatissimi solo e nelle collaborazioni con Sidsel Endresen e Laurent Garnier.

<< back to list


 
   
 
 

Questo sito - eccetto dove diversamente specificato
è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons - Credits

facebooktwitteryoutubevimeomyspaceissuumixcloudrss